CARNEVALE SULL’ACQUA – COMACCHIO 2017

Sembra essere un pensiero comune, che le “Feste di Carnevale” si assomiglino un po’ tutte.

Anch’io ero di questo parere fino a quando, navigando in internet, mi sono imbattuto nella pubblicità di una particolare festa e la curiosità ha prevalso… ho aperto il link!

Carnevale sull’acqua 2017” a Comacchio.

Questo particolare paese della provincia di Ferrara, situato nel bel mezzo del delta del Po, è famoso da sempre per le anguille.

Durante l’anno, quando solitamente passo da quelle parti, mi fermo. Ogni volta mi meraviglio nel trovare delle viuzze esclusivamente pedonali, che mi riportano a pensare che quando vennero costruite, la vita era più comunitaria, non c’erano automobili e non servivano grandi strade.

Ma torniamo alla pubblicità, mi ha colpito sopratutto perché i tipici “carri mascherati” sarebbero stati costruiti su delle barche che avrebbero sfilato sui canali d’acqua attraversando tutta la cittadina.

La mia curiosità ha contagiato altri sette equipaggi che si sono uniti per questa uscita carnevalesca.

L’organizzazione che gestiva il posteggio camper, ci aveva riservato alcuni posti e così, all’arrivo il venerdì sera, non abbiamo avuto difficoltà di sistemazione e sopratutto eravamo tutti vicini.

Il tempo però non prometteva niente di buono: la pioggia e il vento ci hanno accompagnato per buona parte della notte.

Il sabato mattina però, come da previsioni, un sole stupendo ci ha svegliato e subito l’allegria è sfociata, sopratutto per me che venivo accolto con gli auguri per il mio compleanno dal suono magnifico del clarinetto del nostro Ezio e dal coro dei soci! E non potevano mancare i palloncini, legati di primo mattino sul mio camper da Vania e Stefano.

Nel frattempo il parcheggio si era riempito di camper e così via alla scoperta della città accompagnati anche da nuovi soci che non conoscevano Comacchio.

Il sole aveva portato tutti in piazza, gremita per l’occasione da un mercatino, con in bella mostra prodotti gastronomici tipici delle zone dell’Emilia Romagna.

Il passeggio ci ha condotti al Museo del Marinaio locato sulla ex Fabbrica dove si lavorava l’anguilla nei primi del novecento. Un documentario storico e spezzoni di un film di Mario Soldati con la Loren nazionale, ci ha raccontato la vita di queste zone e della gente che vi viveva. La visita alla ex fabbrica dove erano esposti i vecchi ferri del mestiere per la lavorazione dell’anguilla e, sul piazzale esterno, l’arrivo di molte auto d’epoca , ha concluso la prima parte della nostra giornata a Comacchio.

Di ritorno verso i camper, fermata per l’aperitivo e per prenotare la cena della sera in un piccolo ristorantino lungo un canale dove nell’acqua le piccole anitre aspettavano il cibo che molti, sopratutto i bambini, gettavano loro.

Ma la giornata “clou” della festa era la domenica.

Il sole caldo ci ha svegliati mettendoci allegria e il vociare dei gruppi mascherati che si apprestavano a sfilare ha fatto il resto. Passeggiata lungo l’argine della barena ad assaporare questa giornata primaverile, chiacchierando del più del meno e aspettando la sfilata di questi carri/barche che si mostravano sfilando lungo i canali gremiti di gente e bambini mascherati.

Dieci magnifiche barche addobbate in maniera diversa proprio come devono essere i carri mascherati.

Mai visto una manifestazione così e, a detta dei soci partecipanti, questa cittadina e il suo insolito carnevale valevano l’ uscita.

Alla prossima! Maurizio

 

 

 

 


Copyright © 2016 CAMPING CLUB PICCOLE DOLOMITI - P.IVA 94008380241 - Tutti i diritti riservati.